Under 8: a Rapolano senza rivali, conquistata la Coppa più ambita

Minirugby

Trionfo degli under 8 degli Etruschi Livorno al torneo di Rapolano Terme, andato in scena in questa assolata domenica di metà aprile. Sotto la guida degli allenatori-educatori David Franceschi e Fulvio Incrocci, i giovanissimi verde-amaranto (si tratta di atleti nati negli anni 2010 e 2011) hanno chiuso l’importante evento sul gradino più alto del podio. Una prima piazza che dà lustro al movimento rugistico cittadino. Al via della manifestazione blasonate squadre di varie regioni. Nel corso della kermesse, gli scatenati ‘Etruschini’ hanno affrontato – oltre ai Vasari Arezzo – anche squadre laziali, lombarde e liguri. I verde-amaranto hanno battuto nettamente (8-1; ogni meta un punto), nel match d’esordio, il Fiumicino. Poi larghi successi con Botticino Brescia (8-1), Vasari Arezzo (7-1) ed Imperia (8-0) ed il rocambolesco pareggio (4-4) con l’Appia. Risultati che hanno consentito alla formazione livornese di accedere alla finalissima. Nell’ultimo atto del torneo, contro il Segni Roma, grande equilibrio, testimoniato dal risultato di partità (1-1). In virtù della miglior differenza mete nelle precedenti gare, agli Etruschi è bastato il pari per assicurarsi la medaglia d’oro. Non è mancato un sano divertimento nel corso della manifestazione: il dato più rilevante, indipendentemente dall’eccellente esito tecnico-sportivo. Gli Etruschi – che il Primo Maggio ospiteranno sul ‘Tamberi’ il secondo Trofeo Cacciucco, riservato alle categorie propaganda – stanno effettuando un serio lavoro con le proprie under. La prima posizione ottenuta a Rapolano premia l’opera di tutti quanti: dirigenti, tecnici e ovviamente giocatori. Gli atleti under 8 primi in terra senese: Alessandro Brunelli Felicetti, Mattia Dell’Unto, Nathan Ferri, Mattia Fraschi, Andrei Ciuperca, Gregorio Guidi, Tommaso Incrocci, Samuele Michel, Karim Niang, Cristian Ricci, Tito Franceschi.

Share this...
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page